Menu Contatti

GESTIONE DELLO STRESS E RECUPERO PSICO-FISICO

Migliorare le capacità di recupero, la qualità della vita quotidiana e la performance in ambiente lavorativo e sportivo, rappresentano ad oggi un bisogno sempre più diffuso nella popolazione.

Nel maggio del 2019 Starpool ha affidato a Pro Motus, società italiana con sede a Bolzano che opera nel campo dell’allenamento, della medicina sportiva, della riabilitazione e della valutazione funzionale della capacità prestativa in ambito medico-sportivo, il compito di condurre un progetto di ricerca di 12 mesi intitolato: “Il dry-floating con Zerobody come pratica per la gestione dello stress e del recupero psico-fisico”.

L’obiettivo dello studio

Obiettivo dello studio era quello di valutare le risposte acute di rilassamento a livello fisiologico, neurofisiologico, biochimico e psicologico associate al galleggiamento asciutto tramite Zerobody.

Condividiamo i risultati dello studio scientifico, grazie al quale è stato possibile oggettivare e quantificare l’influenza di Zerobody sulla prestazione fisica e psicologica dell’individuo. “Tramite l’applicazione del metodo scientifico e di una prassi di ricerca valida e replicabile, il nostro obbiettivo è verificare come Zerobody migliori la capacità di recupero, la qualità di vita e la capacità prestativa sia in ambito lavorativo che sportivo”, così dichiarava poco più di un anno fa Federico Fontana, Responsabile del laboratorio e della ricerca scientifica in Pro Motus.

I risultati dello studio:

…In conclusione, l’attuale studio ha dimostrato come il galleggiamento asciutto su Zerobody, abbia portato benefici significativi nella percezione di indolenzimento muscolare, in parametri fisiologici e piscologici legati alla capacità di recupero e allo stato d’animo, a seguito di una seduta di 20’ di terapia. Per tanto, è possibile affermare come 20’ siano la durata minima efficace di terapia per indurre un cambiamento positivo nella sfera psicofisica e quindi potenzialmente nell’ottimizzazione della capacità di recupero individuale.  Sulla base delle nostre conoscenze, questo è stato il primo studio a valutare questa nuova e alternativa strategia di recupero. Sebbene meriti ulteriori ricerche, l’attuale studio fornisce alcuni promettenti risultati preliminari sull’uso del galleggiamento asciutto in individui sani come terapia per l’ottimizzazione del recupero psicofisico.”

Clicca qui per accedere alla versione integrale del White Paper “Dry-Flotating therapy: una nuova terapia al supporto del recupero psicofisico?” – Pro Motus Research Department, Pro Motus Srl, Bolzano, Italia.

Affidati ai nostri
professionisti del benessere

Contattaci