Menu Contatti

05/03/21

SAUNA INFRARED: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

Tutti voi conoscete la famosa e più diffusa sauna finlandese. Quanti di voi invece hanno ancora visto o sentito parlare della sauna infrared o a infrarossi? Quest’ultima sta prendendo sempre più piede negli ultimi anni grazie ai suoi benefici, capaci di attrarre tutte quelle persone che per attitudine scelgono di raggiungere lo stesso obiettivo benessere in una modalità meno invasiva.

Le origini della sauna infrared

Se riflettete, il sole emette in modo naturale dei raggi infrarossi che grazie alla loro bassa frequenza, sono capaci di emettere calore, indispensabile al mantenimento degli organismi viventi sulla terra. Proprio per quest’ultima caratteristica, sono stati sviluppati e applicati in campo medico, estetico e nel mondo del benessere.
A differenza di numerose altre fonti di calore, gli infrarossi riscaldano il corpo direttamente dall’interno. Il grande vantaggio è che circa l’80% del calore prodotto viene così trasformato in calore fisico e la pelle traspirerà e suderà ad una temperatura non elevata e assolutamente sopportabile.

 

Le caratteristiche tecniche della sauna infrared

Ma che cos’è esattamente una sauna infrared? La sauna infrared ha la stessa struttura di una sauna finlandese senza avere però all’interno una stufa che riscaldi l’ambiente. Inoltre, sulla parete sono posizionate delle lampade a raggi infrarossi in ceramica riempite con sabbia di lava che rilasciano il calore attraverso una seduta ergonomica.

All’interno di questo tipo di attrezzatura la temperatura si aggira attorno ai 35-40°C, caratteristica che permette al corpo di essere rilassato e non sotto sforzo. Il tempo di permanenza suggerito può variare dai 15 minuti, se la necessità è di rilassare la muscolatura, fino a 45 minuti se l’obiettivo è la detossinazione attraverso il sudore. Dopo l’esposizione ai raggi infrarossi è consigliata una doccia fresca o tiepida.

Come reagisce il nostro corpo alla sauna infrared

Diversamente dalla sauna finlandese, la sauna a infrarossi  non richiede un preriscaldamento dell’ambiente, in quanto i raggi  infrarossi sono assorbiti per irraggiamento dalla schiena.
Questo tipo di esposizione riesce ad “ingannare” il sistema di controllo dell’organismo, trasferendo un moderato e fisiologico calore che viene trasportato nelle parti più periferiche del corpo, grazie ad una forte innervazione ed irrorazione sanguigna. La temperatura interna aumenta di 0,2°C / 0,3°C e la pelle riscaldandosi manda il sangue caldo verso l’interno nel torrente circolatorio profondo, affinché ceda calore.
Una prolungata permanenza in tale condizione favorisce l’eliminazione di notevoli quantità di tossine, mentre il sudore si presenta più denso, evitando un’eccessiva dispersione di sali minerali. Tutto ciò, ed è questo l’importante, senza aver mai affaticato l’apparato cardiocircolatorio e respiratorio.

Benefici della sauna infrared        

Vediamo nello specifico i benefici che possiamo trarre dall’utilizzo di questo tipo di attrezzatura wellness:

  • migliora la circolazione sanguigna e fluidifica il sangue
  • favorisce la cicatrizzazione della pelle e accelera la guarigione di una lesione
  • rilassa la muscolatura e distende le contratture muscolari e le tensioni alla schiena
  • tonifica il corpo
  • aumenta l’ossigenazione dei tessuti
  • elimina metalli pesanti e scorie metaboliche
  • aumenta la produzione di serotonina, abbatte stress e ansia e migliora la qualità del sonno
  • rafforza il sistema immunitario.

Differenza tra sauna finlandese e sauna infrared

All’interno della sauna finlandese la temperatura è di circa 100 °C e l’umidità è pari al 10-20%. In questo caso il nostro corpo reagisce per difesa e attraverso la produzione di sudore protegge gli organi vitali mantenendoli alla temperatura basale. Inoltre, si eliminano grandi quantità di tossine, liquidi in eccesso ma anche sali minerali e oligoelementi.
Diversamente dalla sauna infrared, questo tipo di esperienza è molto energica e impegnativa. L’apparato cardiocircolatorio e respiratorio è coinvolto nella stessa intensità di una corsa veloce e l’esposizione consigliata è di max. 15 minuti. A fine seduta il corpo necessiterà di un’intensa reazione fredda per aiutare l’organismo a tornare alla condizione iniziale ad eliminare completamente il calore.
Per uno sportivo ad esempio, nei giorni di allenamento è consigliato trascorrere del tempo all’interno della sauna infrared. Questo serve per evitare di eliminare dal corpo ulteriore acqua e sali minerali. Nei giorni di riposo invece, è consigliata la sauna finlandese: maggiormente performante e energica, mantiene l’allenamento cardio-respiratorio.

Articoli correlati

Affidati ai nostri
professionisti del benessere

Contattaci