Menu Contatti

Sauna experience: la vivi correttamente?

03/07/19

A chi non è mai capitato di andare in una spa e trovarsi disorientato su come vestirsi e comportarsi all’interno di una sauna? Le domande più frequenti sono: “Utilizzo l’asciugamano?” “Le ciabatte le porto con me?” Ma soprattutto, “Perché in sauna devo entrare nudo?”.

Molti non lo sanno, ma la sauna finlandese nasce originariamente per contrastare le dure condizioni ambientali dei paesi nordici che imponevano la necessità di riscaldarsi e di lavarsi al caldo. Vista la grande disponibilità di legname, il popolo finlandese ha pensato di costruire le saune per creare dei luoghi dove potersi incontrare e condividere momenti ricreativi in un ambiente accogliente.

COSA MI METTO IN SAUNA

Ma allora, qual è l’abbigliamento corretto? Qual è quello più idoneo per godere appieno di un percorso benessere?
Sicuramente il costume sintetico non è la soluzione adeguata. La temperatura all’interno della sauna raggiunge circa gli 80-100 °C con un’umidità relativa del 10/20 % e questo può favorire la liberazione di sostanze poco salubri contenute nei tessuti sintetici dei costumi da bagno. Il caldo secco favorisce la sudorazione del corpo e in questa fase è consigliato non indossare indumenti stretti, bagnati di sudore o precedentemente impiegati nelle piscine della spa con presenza di cloro. Non è raro veder utilizzare costumi con applicazioni e ferretti, che iniziano a diventare roventi al tatto e infastidiscono l’utente nel suo momento dedicato alla cura del corpo.

Come facciamo allora, se noi in sauna nudi non ci vogliamo entrare?
Un’ottima alternativa è l’utilizzo del Peshtemal, un panno di tessuto nato quasi 600 anni fa in Anatolia per avvolgere il corpo all’interno degli Hammam. La sua praticità ha fatto sì che venisse utilizzato ben presto anche nelle saune, nei bagni di vapore e nei bagni di calore. L’antica tradizione turca voleva che il Peshtemal venisse tessuto a mano con i colori che rappresentavano originariamente la regione di chi lo indossa.
Sottile, leggero, facile da asciugare e molto assorbente; in cotone, di lino o di bambù, dona una sensazione di freschezza e comfort negli ambienti caldi. La sua fibra naturale e traspirante permette di godere a pieno dei benefici del calore: una soluzione intelligente per evitare il nudo, rispettare il prossimo e le regole igieniche.
Non solo, possiamo utilizzare il Peshtemal anche durante la successiva reazione fredda e togliendolo solamente nelle sale relax dove ci avvolge un caldo e asciutto accappatoio.

COME PREPARARSI ALLA SAUNA

Facciamo la sauna per sudare e liberare il nostro corpo da tossine, perché allora non permettergli di farlo nelle migliori condizioni?
Collane, orecchini, anelli, occhiali, in qualsiasi materiale e forma, vanno tolti per evitare il surriscaldamento degli stessi e provocare spiacevoli irritazioni sulla pelle.
E’ necessario lavare tutto il corpo, viso compreso, con acqua tiepida e sapone neutro, questo permette di liberare il poro della pelle da eventuali impurità prodotte nell’arco della giornata e favorire un migliore drenaggio di tossine tramite il sudore.
Una volta asciugato, prima di entrare, ricordati di togliere le ciabatte.

Nella spa bag avete trovato anche un asciugamano? Ebbene sì, è necessario anche questo. Va posizionato sulla panca della sauna per accogliere ogni parte del nostro corpo, piedi compresi. La nostra pelle non deve entrare in contatto con il legno, rischierebbe di rovinarlo con il sudore e rendere la superficie meno igienica per tutti.

IL CAPPUCCIO IN SAUNA

Avete mai notato che nei paesi nordici in sauna viene indossato anche un cappuccio? E’ fondamentale per proteggere la testa dal calore, abbassandone il surriscaldamento, e permette di prolungare la permanenza all’interno fino a 12-15 minuti. Ricordati, quando sei seduto, la differenza del calore percepito dai piedi alla testa, aumenta dai 8-10 °C.
Per le donne una curiosità: il cappuccio aiuta a proteggere i capelli dal calore intenso, lasciandoli morbidi e idratati.

Un consiglio! Per i principianti saunisti o per chi non ama le alte temperature, sedetevi sulla panca più bassa disponibile. Il calore sarà meno intenso e riuscirete a godere maggiormente della vostra esperienza.

COSA FARE DOPO LA SAUNA

E’ arrivato il momento di uscire.
Alzatevi in modo delicato, uscite e fate subito una doccia fresca per togliere l’eccesso di sudore. Prolungate questa sensazione scegliendo una delle reazioni fredde più intense disponibili. In questo modo il vostro corpo dopo aver subito un innalzamento della temperatura, ritornerà sotto i 37 °C e sarà pronto per godersi la fase di relax e la reintegrazione di liquidi con una buona tisana aromatica.

Affidati ai nostri
professionisti del benessere

Contattaci