Skip to Content

Notizie/Eventi

Spa secrets: rituali, il loyly, l’aufguss e lo spirito della sauna


Aufguss in sauna Starpool

04 Ott 2017

È purtroppo un errore diffuso tra chi gestisce ambienti dedicati al wellness: banalizzare l’esperienza benessere riducendola a un mero “esercizio” fisico passivo. Al contrario, in ogni spa, l’aspetto rituale – da affrontare accompagnati da un esperto cerimoniere o anche in completa autonomia, se si ha la fortuna di essere in un luogo attrezzato – è fondamentale per coinvolgere e anche divertire i propri ospiti. Come fare? Scopriamo insieme l’universo del löyly e dell’aufguss.

Il Löyly può essere interpretato come lo spirito che pervade l’animo dei presenti in sauna durante il rito dell’aufguss. Una particolare “danza” del benessere che consiste nel versare acqua fredda, meglio se accompagnata da oli essenziali, sulle pietre roventi e nell’indirizzare verso gli ospiti l’aria calda che viene generata, sventolando, secondo precise tecniche, asciugamani, bandiere o ventagli. Chi è incaricato di eseguire l’aufguss – un vero e proprio cerimoniere – nella cultura nordica è il più alto in scala gerarchica tra i presenti in sauna: decide il tasso di umidità, la durata del rituale, i movimenti su cui concentrarsi e le fragranze da utilizzare, per dare vita a una vera e propria wellness experience. Ma è possibile anche costruire in autonomia il proprio rituale di benessere, se si hanno a disposizione gli accessori giusti e le informazioni di riferimento. Basta avere una spa attrezzata con clessidre per monitorare il tempo del rituale, poggiatesta ergonomici, mestoli, secchielli, oli essenziali dalle diverse note olfattive, cappelli in fibra naturale e rami di betulla utili per picchiettare la pelle della schiena e delle gambe al fine di aprirne le porosità cutanee e favorire la sudorazione. L’esperienza da passiva diventa così attiva e indubbiamente più capace di coinvolgere gli ospiti in una pratica divertente e entusiasmante, una ritualità che dal maestro di sauna si trasferisce facilmente per affinarsi con l’esperienza.